Filtri di ricerca

Cerca per parola chiave

Cos’è il contributo consortile o di bonifica e da chi è dovuto?

lunedì 2 maggio 2016

Il contributo di bonifica è una prestazione patrimoniale imposta per legge, avente come presupposto l’esistenza di un immobile situato all’interno del comprensorio consortile che gode del beneficio apportato dalla funzione pubblica di bonifica. Esso è cosa ben distinta dal corrispettivo di un servizio e ha natura tributaria. Costituisce onere reale sugli immobili del contribuente.

In base alla normativa vigente sono tenuti al pagamento del contributo di bonifica i proprietari di immobili, agricoli ed extragricoli, situati in un territorio classificato di bonifica e ricompresi nel comprensorio consortile, in ragione del beneficio conseguito o conseguibile dalle opere e dall’attività di bonifica (art. 13 L.R. Emilia-Romagna n. 42/84; art. 860 c.c.; art. 10 T.U. n. 215/33). Si tratta di un’obbligazione solidale (artt. 1292  e ss. c.c.), con la conseguenza che, in caso di comunione di proprietà, ogni comproprietario può essere obbligato ad eseguire per intero la prestazione al Consorzio (con la possibilità, per colui che ha pagato l’intero di ripetere dagli altri condebitori, la parte spettante a ciascuno di essi, ex art. 1299 c.c.).